Perché WhatsApp sta cancellando il profilo di molti utenti

Perché WhatsApp sta cancellando il profilo di molti utenti

Negli ultimi giorni WhatsApp sta causando diversi problemi agli smartphone degli utenti, con un consumo anomalo della batteria.

Ma non è l’unico problema che affligge l’applicazione di messaggistica. I ragazzi di WaBetaInfo, sempre molto informati sul mondo WhatsApp, hanno pubblicato un post sul loro blog su un fatto molto strano: nelle ultime settimane molti utenti sono stati cancellati dall’applicazione.

Che cosa è successo? Molto semplicemente lo staff dell’app ha registrato dei comportamenti anomali da parte di alcuni utenti e ha deciso di bannarli. Cosa comporta questa decisione? Non possono più utilizzare WhatsApp con il loro numero e sono costretti ad aprire un altro profilo utilizzando una SIM diversa.

E logicamente hanno perso anche tutte le chat e le conversazioni di gruppo. Stiamo parlando di più di 100 utenti (quelli che hanno segnalato il problema a WaBetaInfo, ma sicuramente saranno molti di più) che dall’oggi al domani si sono ritrovati sbattuti fuori dall’applicazione di messaggistica, senza nessun motivo apparente.

I protagonisti di questa vicenda hanno provato a contattare lo staff dell’applicazione, ma hanno ricevuto una semplice risposta automatica in cui si diceva che avevano violato i Termini di Servizio. Senza nessuna possibilità di riavere indietro il proprio profilo. WhatsApp, profili degli utenti cancellati: ecco la spiegazione Profilo WhatsApp cancellato senza nessuna possibilità di riaverlo indietro. Quello che può sembrare un incubo sta accadendo in queste ore a molti utenti dell’applicazione di messaggistica. Ma per quale motivo il loro profilo è stato eliminato da WhatsApp? Perché facevano parte di un gruppo con un nome sospetto e che utilizzava parole che non rispettano i termini di utilizzo dell’applicazione.

Per capirne di più dobbiamo fare un po’ di chiarezza. Come spiegato dai ragazzi di WaBetaInfo, una delle prime segnalazioni è avvenuta su Reddit, dove l’utente Mowe11 ha pubblicato un post con la propria esperienza. Il suo profilo WhatsApp, insieme a quello dei suoi amici, è stata eliminato dopo che avevano cambiato il nome del gruppo di scuola, utilizzando dei termini violenti che facevano riferimento alla pornografia. E questo viola i termini di utilizzo di WhatsApp.

Lo stesso è accaduto a un altro utente di Reddit, FraciscoAlfaro. Solo che in questo caso gli utenti bannati da WhatsApp sono stati addirittura 100. Tutti facevano parte di un gruppo dove è stato cambiato il nome, anche in questo caso usando termini non in linea con quanto accettato dall’applicazione. Anche su Twitter si possono trovare casi simili, con gruppi di 20-30 persone eliminate nello stesso momento da WhatsApp. I gruppi WhatsApp erano veramente pericolosi? In molti casi i gruppi WhatsApp che avevano un nome pericoloso, in realtà non lo erano. Erano semplicemente un ritrovo virtuale per dei compagni di classe che avevano deciso di chiamare in modo scherzoso il gruppo. L’intelligenza artificiale utilizzata d WhatsApp per questi casi, però, non è in grado di leggere i contenuti scambiati all’interno della conversazione, dato che sono protetti dalla crittografia end-to-end. Per capire se un gruppo è pericoloso fa affidamento solo sui metadati che può analizzare, come ad esempio il nome.

Quindi, il nostro consiglio è di non utilizzare termini poco consoni per i gruppi WhatsApp, altrimenti rischiate di essere cancellati vita dall’applicazione. Cosa succede se vengo eliminato da WhatsApp Se si viene bannati da WhatsApp le possibilità di venire riabilitati sono veramente poche. Inoltre, non si può creare un nuovo profilo utilizzando lo stesso numero di telefono. E si perdono tutte le conversazioni e i gruppi di cui si faceva parte. L’unica soluzione è acquistare una nuova SIM e aprire un nuovo account su WhatsApp, ricominciando tutto da zero.

Fonte:Tecnologia.libero.it del 10/11/2019

Foto:Tecnologia.libero.it del 10/11/2019

Ultima modifica ilLunedì, 11 Novembre 2019 13:53

Lascia un commento

Assicurati di aver digitato tutte le informazioni richieste, evidenziate da un asterisco (*). Non è consentito codice HTML.

Torna in alto

Sezioni

Rubriche

News Locali

Servizi

Chi Siamo

Seguici Su: