Attenzione
  • JUser: :_load: non è stato possibile caricare l'utente con ID: 596
Ecologia

Ecologia (85)

Cavallino (Le), sopralluogo nell’impianto di trattamento amianto, M5S: “Struttura realizzata senza Autorizzazione Unica”

Nei giorni scorsi il senatore del Movimento 5 Stelle Iunio Valerio Romano, i consiglieri regionali Cristian Casili e Antonio Trevisi e i consiglieri comunali di Lizzanello Antonio Parlangeli e di Cavallino Giampaolo Falco hanno effettuato un sopralluogo l’impianto sperimentale di trasformazione di manufatti in cemento-amianto a Cavallino.

Leggi tutto...

CISAMBIENTE-CONFINDUSTRIA, incontro con l’assessore Stea sullo smaltimento dei rifiuti

Si è svolto nell’assessorato all’Ambiente alla presenza dell’assessore Gianni Stea, del dirigente Sezione ciclo rifiuti e bonifiche Gianni Scannicchio, e di Ager Puglia un tavolo tecnico con il Direttore Generale di Cisambiente, Confederazione Servizi Ambiente, sistema associativo  delle aziende del mondo Confindustriale che operano nel settore ambientale e dell’ energia rinnovabile con particolare riferimento alla gestione dei rifiuti urbani e speciali.

Leggi tutto...

Saline di Margherita di Savoia svendesi. La riserva naturale cambia proprietà nel silenzio assordante

Saline di Margherita di Savoia, una riserva naturale orgoglio della Puglia che si estendono per 4.500 ettari e che rientrano tra le più grandi d’Europa cambiano casacca e passano ai francesi di Salins du Midi. La società d’Oltralpe già presente in Italia dal 1981 ha acquisito Compagnia italiana sali (Cis) con sede in provincia di Rovigo. Sulla faccenda si sono espressi molti esponenti del consiglio regionale pugliese.

Leggi tutto...

Piano sull'uso dei prodotti fitosanitari, Agronomi e Forestali Bari: “Troppo estremismo sul biologico, serve la ricetta verde”

L’Odaf Bari a Roma per le proposte Conaf sul nuovo Pan. Carreras: Agrofarmaci necessari, introdurre la prescrizione come per i medicinali”. Tante le osservazioni alla bozza del Ministero: “È troppo ideologica”

Leggi tutto...

Jane Fonda arrestata per protesta per il clima

A 81 anni suonati, Jane Fonda ha ancora la tempra ribelle della ragazzina che manifestava negli anni ’70.


E mentre interpretava il suo personale Friday for Future, sui gradini di Capitol Hill, l’ex Barbarella è stata arrestata – con tanto di manette – insieme alla fondatrice di Code PinkMedea Benjamin, e a un’altra ventina di persone che manifestavano in difesa del pianeta in pericolo. 

Jane come Greta, insomma, anche se l’attrice potrebbe essere abbondantemente la nonna della 16enne che ha mobilitato il mondo sulla sua crociata per il clima. Evidentemente la preoccupazione per i cambiamenti climatici non ha età. In particolare lo scopo della manifestazione di Jane Fonda & Co era di convincere deputati e senatori ad approvare il Green New Deal, l’iniziativa per un’economia verde promossa dalla deputata democratica Alexandria Ocasio-Cortez, che pure collabora con Greta Thunberg.

Poco prima dell’arresto la Fonda aveva inscenato un  mini-comizio in cui definiva quella del clima “una crisi collettiva che ha bisogno di una risposta collettiva”. La nuova passione dell’attrice per il futuro del pianeta deriva – l’ha detto lei stessa – dalla lettura del best seller di Naomi Klein ‘On Fire: The (Burning) Case for a Green New Deal’. Ma certo anche le mobilitazigreta toni dei giovani di tutto il mondo hanno risvegliato l’anima barricadera di Jane: “Voglio mostrare solidarietà ai giovani come Greta”, ha detto l’attrice dopo essere stata rilasciata.

L’arresto non ha domato l’attrice hollywoodianam che ha promesso di riprenderà il suo posto alle proteste sul clima ogni venerdì per il resto dell’anno. Anzi, si è trasferita a Washington apposta per i prossimi mesi. Ieri è stata incriminata per manifestazione illegale sul lato est del Campidoglio, un reato minore nel Distretto di Columbia, dove il codice proibisce ai manifestanti di bloccare gli ingressi degli edifici pubblici. Se condannata rischia una multa fino a 250 dollari e fino a 90 giorni di prigione

Due volte premio Oscar per ‘Klute’ e ‘Tornando a Casa’, ma anche madrina dell’aerobica ed ex moglie del tycoon Ted Turner, l’attrice aveva appena finito di parlare quando è stata arrestata: “La stessa ideologia tossica che ha rubato questa terra alla gente che ci viveva, che ha rapito persone dall’Africa, trasformandoli in schiavi perché lavorassero questa terra rubata, che ha tagliato foreste ed esaurito le riserve naturali – aveva proclamato – questa stessa ideologia ci ha portato al cambiamento climatico oggi davanti ai nostri occhi”.

E quella per il clima è solo l’ultima delle cause per cui si è spesa Jane Fonda: nel 1972, in piena  guerra del Vietnam, il suo viaggio ad Hanoi guadagnò alla figlia di Henry Fonda il soprannome di ‘Hanoi Jane‘. Da sempre femminista, Jane Fonda si è impegnata anche per i diritti dei nativi americani, dei palestinesi e contro la guerra in Iraq

Fonte: vocespettacolo.com - Data: 13.10.19 - Autore: Walter Nicoletti

Leggi tutto...

Emiliano inaugura il centro regionale mare di Arpa Puglia: “Tutela dell'ambiente ed economia devono camminare insieme”

 

Il presidente della Regione Puglia Michele Emiliano ha inaugurato questa mattina il Centro Regionale Mare (CRM), un’unità operativa complessa che svolgerà attività di alto livello tecnico, con riferimento all’intero territorio regionale e alle peculiarità dell’ambiente marino che lo contraddistingue.

Leggi tutto...
Sottoscrivi questo feed RSS

Sezioni

Rubriche

News Locali

Servizi

Chi Siamo

Seguici Su: